Stiamo qua noi 'taliani
soto l'ala coperti d'un caccia col motore 'nsabbiato
su sta rena di deserto porco
a spetare spetare che qualcuno ci manda giù ci tira giù dal cielo
'n po' di roba per scampare
'l pàn l'acqua il carburante, lo vedi là l'ultimo bidòne bell'e vuoto,
'l pezo di ricambio 'na notizia bona
medecine 'spirina chinino le lettere da casa,
magari.

Stiamo qui da sempre noi 'taliani a spetare che qualcun ci salvi
magare la Madona 'l Signùr con Sant' Antòni
Santa Rita da Cassia ch'è la santa degli 'mpossibili, ci dicono,
che 'l piova dal cielo 'na grassia che ci salvi ci scampi
da 'sta nostra porca dis/grassia o maladia
che da soli ce semo procurati, purtroppo,
ma mica noi sapevamo, noi ci credevamo, oh, sì,
che le parole dei sindaco del ministro del Duce ci credevamo
che spezzeremo le reni a la Grecia che manco sapevimo dove l'è, la porca,
e la quarta sponda che 'nvece l'è questa qui piena di rena de merda
che brusa da scjopàr.

Semo qui da sempre noi 'taliani
a spetare a sperar nel cielo che ci rìvino le grassie
'l capelano 'l dise che ci vuole fede,
su 'in alto, nei palazzi di Roma, ci dicono che vinceremo
e noi qui sempre a spetare, 'na buona notissia,
che arrivan gli alleati, che si sposta 'l fronte e sarà na baldoria
a esser prigionieri.

Ma non arriva nessuni, mai,
semo qui da sempre immobili, a spetare, a betegàre bisticciare
far caciare cagnare, rogne e carogne ce ne sono da gratare,
a rubarce l'ultimo toco de pan di tra di noi,
'taliani…

Annunci