Nel recente anno 2007 presso Betania in un pozzo secco, detto del Lazzarone, fu ritrovato un reperto interessantissimo, un papiro vergato in aramaico contenente varie vicende e note storiche più alcune parabole, delle quali qui se ne riporta una.

Un tempo ai tempi del Re Erode presso Betania c’era uno che era nu povero lazzaro, anzi steva talmente povero ca lo chiamavano Lazzarone.
E tutti lo additavano: Ma guarda che lazzarone che è quello lì, sempre in giro a fare un cazzo tutto il giorno. A forza di dirlo che c’era uno che faceva un cazzo tutto il giorno, ‘stu fatto venette all’orecchio del sommo sacerdote che si nomava Ben Fet’Entun e che, parendogli strano il fatto, ci dicette a un suo sgherro: Portami ‘stu descraziato Lazarone ca devo vedere com’è fatto e farci dare quarante nerbate sul culo.
Come lo pigliettero, il povero lazzaro, lo trascinettero in faccia a Ben Fet’Entun che subbito gli dette un cazzotto in faccia e gli dichiarò:
O tu Lazzarone schifoso! Come te tu ti dai permisione de no travagghiare quando qua ce lavora ogni omo? Bruto verme!!!
Isso povero lazzaro e verme, tutto biascicato ci respundette:
Francamente io stavo cassintegrato, poi me cacciorno, poi mica mi riassumettero, anzi ci dissero ca c’era interinal fatica a 18 ore al dì pagate come 6, mutua a carico del presente descraziato e ‘nculo per il resto. Ecco.
A quel detto il sommo Ben Fet’Entun ci urlaie:
Abbasso a te a ai figli tuoi!! Te do l’obligo subitaneo ingiuntivo de travagghiare per lo novo appalto de restrutturazione del Templo Magno qui accanto, cossì no te lamenterai più, e vai subbeto alla fatica, si no te fo fustecare da’ Filistei.
Cossì ‘sto lazzarone tutto contento se ne andette a travagghiare a mettere su ponteggio calce e malta e sassi e portare ogni sorta de massi che la gru steva scassata, il compressore pure, l’encastellatura scumbinata. Tutto felice se la fischiettava che lo pagavano 9 per faticare 18, quanno arrivò l’angelo del signore, (ca ce l’aveva messa nell’orecchio la storia il sommo sacerdote) e si penzò:
Ma questo lazzarone fischietta mentre lavora, quando sta scritto travagghierai con sudore e fatica.

Per cui ci dette nu colpo d’ala e quello se ne volò dall’impalcatura cossì imparava a fare il furbo, e se spiaccicaie a terra.
Non ci fecettero il funerale ca non teneva eredi pacanti, ma ci buttarono il cadafero nel lago di Tiberiade per sfamare i poveri pesci.

Annunci